Prelùdiu | Preludio

 

Prelùdiu

A ibbarriaddi

d’eba fruscha

isciara

l’incrinadda

e lesthra si z’entra

i l’intragni pessi

di la mimòria.

Imburiggosa

una frina lizera

appogli

fogli d’ambra

a la nudiddai

sosdha

di la sera,

prelùdiu

faddaddu

d’una notti

amprosa

di puisia.

 

Antonello Bazzu

dalla raccolta “Di fori, di peni e d’amori”

Preludio

Fra scrosci

di pioggia

rovina

il crepuscolo

e lesto s’incunea

nelle viscere disperse

della memoria.

Intrigante

una brezza leggera

porge

foglie d’ambra

alla sorda

nudità

della sera,

preludio

fatato

di una copiosa

notte

di poesia.

 

Antonello Bazzu

dalla raccolta “Di fori, di peni e d’amori”

Scarica la Poesia

 

 

Visite: 843