Tempu libaraddu | Tempo liberato

 

Tempu libaraddu

Mi piazi lu fà nienti, lu tempu

da lu cunìgliuru biancu d’Alice

libaraddu,

dissiquisthraddu da lu cunzettu

di lu tempu chi è dinà,

e di ca ha tempu no aisèttia tempu.

Mi piazi lu tempu méiu,

chissu fèimmu indì

fàzini fundarizza l’emozioni

e la menti pari gìria a bioddu,

lu tempu indì ipirànzia e disizi

pìgliani fòimma di prugettu

e li prugetti poi, fùrani asthru tempu

pa’ dibintà reasthai.

Dugna dì cant’esci sori e luna

mi piazi lu prufummu di la terra,

si faz’eba,

e lu rùiu raffiggagnosu di li téuri,

cunsumiddu eppuru vibu,

candu a l’aibori s’infondi di lintori.

 

Antonello Bazzu

dalla raccolta “Di fori, di peni e d’amori”

Tempo Liberato

Mi piace il far niente, il tempo

dal coniglio bianco d’Alice

liberato,

dissequestrato dal concetto

del tempo che è denaro,

e del chi ha tempo non aspetti tempo.

Mi piace il tempo mio,

quello immoto dove

sedimentano le emozioni

e la mente sembra vaghi a vuoto,

il tempo dove speranza e desideri

prendono forma di progetto

e i progetti poi, rubano altro tempo

per diventare realtà.

D’ogni giorno che sorge sole e luna

m’inebria il profumo della terra,

quando piove,

e il rosso scabro delle tegole,

consunto eppure vivo,

quando all’alba si bagna di rugiada.

 

Antonello Bazzu

dalla raccolta “Di fori, di peni e d’amori” 

Scarica la Poesia

 

 

Visite: 850