Carrera Marghinotti n. 32 | Via Marghinotti n. 32

 

Carrera Marghinotti n. 32

Ti ridìani l’occi 
candu in cabu ti punìa
curoni di caggaranzu
chi fazìani beddi
li to’ rìcciuri d’oru
e un àgniru parì, 
un àgniru
faraddu in terra,
in chidda terra tristha,
pa’ azzindì lu fuggaroni
di Santu Giuanni, 
lu Santu di lu gà 
tu abì l’innommu.

Ammento avréschidas giaras
in oliários de prata
e ottorinos de sole
semenados de pabantzolu 
e cardellinas, totta díe cantende.

Poi imprubisu 
un ischoppiu mannu
d’una bomba cuàdda
i’ lu sirenu di chidd’anni 
da l’ignuranzia
di pòbari disghraziàddi
isthuppiàddi da li biddi 
e accudiddi a lu Monti, a vibì,
a zischà di vibì,
e i’ l’attruppogliu niéddu
di bozi, sangu e mosthi ch’è sighiddu
t’aggiu pessa,
e manc’a sugnati
più soggu ridisciddu,
regina di chidd’anni,
regina di li caggaranzi
di la me’ pizzinnìa.

Lunas de fogu ammento
in nottes tébias chena lentore
e culilughes, néulas
de culilughes, ispaltas
in su nieddore.

E lu fuggaroni era asthu,
e beddu era lu gioggu,
noi brincàbami impari, 
a cummàri e cumpàri, 
in Carrera Marghinotti
nùmmaru trintadùi.

Antonello Bazzu

Via Marghinotti n° 32 

Ti sorridevano gli occhi
quando posavo sul tuo capo
ghirlande di fiorranci
a ornarti
i riccioli d’oro
e un angelo sembravi,
un angelo
disceso in terra,
in quell’amara terra,
per accendere i fuochi
di San Giovanni,
il santo del quale
portavi il nome.

Ricordo albe terse
in oliveti d’argento
e sentieri di sole
seminati di tarassaco
e cardellini, tutto il giorno a cantare.

Poi inatteso
lo scoppio
di una bomba celata
nel sereno di quegli anni
dall’ignoranza
di poveri sventurati
sputati dai paesi
e arrivati al Monte, a vivere,
a cercare di sopravvivere,
e nel garbuglio di gente,
voci, sangue e morte che seguì
ti persi,
e neanche a sognarti
più riuscii,
regina di quegli anni,
regina dei fiorranci
della mia infanzia.

Lune di fuoco rammento
in notti tiepide senza rugiada
e lucciole, nuvole
di lucciole, sparse
nell’oscurità

Ed era alto il fuoco
e bello il gioco,
noi saltavamo insieme,
a comare e compare,
in Via Marghinotti
numero trentadue.

Antonello Bazzu

Scarica la Poesia

 

Visite: 933