TheGrue.org

È sempr’edda | È sempre lei

 

È sempr’edda

V’era una vostha Sàssari

chi soru a ammintalla,

ancora mi ridi lu cori.

Chissa chi candu farabi

a Piazza a carasori

vidì i’ li fundari li casi

bianchi e li monti curo’

di l’aria i’ l’Asinara

e i’ l’osthi e l’aribari

lu rissori giugghendi a mabó

cu’ lu biancori

d’una vera ipastha in asthu mari.

Chissa sì ch’era Sàssari!

 

Veru! Parò abà… Puru

si no è cument’e tandu,

puru si parazzoni fei l’hani

ifriguradda, l’impidraddu

è turraddu i’ l’isthrinti, poi di

tant’anni suttarraddu i’ lu catrammu

e s’hai occi a figgiurà,

da li baschoni ischascinaddi

di li casi tarreni ancora in pedi,

fazi l’uccittu un fiori,

una pasthera di basiri e n’èscini,

currendi che saetti, dui

cabbareddi ricciurini

da sott’a li robi

tesi, asciuttendi a lu sori.

Zesthu no so li pastheri di baschu

di lu puetu famaddu

e li pizzinni no so a l’ischuzza

e hani… li facci nieddi!

 

 

E cosa vo dì? Lu mondu è ciambaddu,

manc’eu soggu più lu matessi!

No ridèsciu manc’a riggì

l’ammenti chena chi una làgrima

m’infòndia li pibiristhi.

Sassari è sempr’edda…

Anzi mi pari

chi sia mégliu abà!

 

  Antonello Bazzu

È sempre lei 

C’era una volta Sassari

che al solo ricordarla,

mi sorride ancora il cuore.

Quella che quando scendevi

al Corso,[1] al tramonto,

vedevi all’orizzonte le case

bianche e i monti color

cielo dell’Asinara

e negli orti e gli oliveti [2]

il riverbero del sole

giocare a nascondino con il bianco

d’una vela tesa in alto mare.

Quella sì che era Sassari!

 

Si! Pero adesso… Anche

se non è come allora,

anche se brutti palazzoni l’hanno

deturpata, i ciottoli

sono tornati nei vicoli, dopo

tanti anni nascosti sotto l’asfalto

e se hai occhi per vedere

dai balconi sgangherati

delle casette che resistono,

fa l’occhietto un fiore,

un vaso di basilico e sbucano,

correndo come fulmini, due

testoline ricciute

da sotto i panni

stesi al sole ad asciugare.

Certo non sono i vasi di violacciocche

del famoso poeta [3]

e i bambini non sono scalzi

e hanno… il viso di colore!

 

 

E che vuol dire? Il mondo è cambiato,

neanche io sono più lo stesso!

Non reggo neanche

i ricordi senza che una lacrima

mi bagni le ciglia. 

Sassari è sempre lei…

Anzi mi pare

sia meglio adesso!

 

Antonello Bazzu

[1] I vecchi sassaresi continuano a chiamare Piazza l’attuale Corso Vittorio Emanuele,asse centrale della città murata, anticamente denominata Platha de Codinas.

[2] Dall’alto del Corso Vittorio Emanuele, in discesa verso la campagna e il mare, prima che negli anni cinquanta si costruisse il “tappo” rappresentato dall’ex Hotel Turritana, si poteva godere della vista del verde degli orti e degli oliveti che circondavano la città, giù sino alla pianura e al mare non lontano.

[3] Un fiori di baschu, poesia di Salvator Ruju, alias Agniru Canu famoso poeta cantore della vecchia Sassari.

Scarica la poesia