TheGrue.org

Ammenti Passaddi

Titolo della canzone in Gara: "Mazziganu"

Componenti del Gruppo: Giovanni Manca, Renato Desole, Giuseppe Sanna, Stefano Vidili, Antonio Migheli. 

Segue il testo della canzone

 Mazziganu 

(testi di Dessole-Cossu, musica di Petretto) 

Si andi a manzanu già l’acciappi i’ lu vindioru,

a tazza in manu tu lu poi agatà

è dendi attaccu a lu cambuseri

acchì lu vinu no zi vo farà.

Dizi: “Maccoccu cosa ni cumprendi,

chistha è zirriagga, no ni vògliu più,

sei un casthigaddu, mi sei avvirinendi!

È midizina abà ti la bi tu!

 

(Rit.) È Mazziganu, già imbriaggu da manzanu,

cu’ lu quarthu di vinu e sempri a tazza in manu

e Caddarina chi è sempri murrugnendi;

imbriaggu che la fezza no ridesci a fabiddà:

è Mazziganu, già imbriaggu da manzanu,

eddu si coscha in terra acchì debi ivvintià.

 

Eddu è sempri cun Giurianu Palloncino

chi ha lu ravvinu di bissi chissu vinu

e la muglieri chi l’anda a zischà

a lu “Raggio d’oro” già l’acciapparà.

Inveci Amèria chi è più zerraggona

no è di chissi chi lu pìglia a la bona;

casche giasthemma l’abarà a mandà:

“bruttu imbriaggoni, indì so li dina?”

 

A parthi in sera, chi è ancora più imbriaggu,

a pesu morthu eddu mi pari un saccu

e camminendi a passu di candareri

isthrampa e caggi in tutti li carreri.

Accumpagnaddu di pressa a l’ipidari

chi s’è isciumpiaddu, chi s’è ischiumpiaddu mari

pigliendi a bozi tutti li duttori

poni la fimma pa’ turrà a li vindiori.

 

(Rit.) È Mazziganu, già imbriaggu da manzanu,

cu’ lu quarthu di vinu e sempri a tazza in manu

e Caddarina chi è sempri murrugnendi,

imbriaggu che la fezza no ridesci a fabiddà:

è Mazziganu, già imbriaggu da manzanu,

eddu si coscha in terra acchì debi ivvintià.

Al mattino lo puoi trovare al circolo

con il bicchiere in mano

a infastidire il barista

perché il vino non si può bere.

Dice: “Stupido, non capisci proprio niente,

questo è vinaccio, non ne voglio più,

sei un inetto, mi stai avvelenando!

È medicina e te la bevi tu!

 

(Rit.) È Mazziganu già ubriaco dal mattino,

con il quartino e il bicchiere sempre in mano

e Caterina che sta sempre a brontolare;

talmente ubriaco che non riesce a parlare:

è Mazziganu, già ubriaco dal mattino,

si stende a terra per poter smaltire.

 

Esce sempre con Giuliano Palloncino

che ha la smania di bersi quel vino

e la moglie che va a cercarlo

al “Raggio d’oro” lo troverà.

Invece Amelia che è più grossolana

non è di quelle che lo prende con le buone;

qualche imprecazione gli rivolgerà:

“brutto ubriacone dove hai messo i soldi?”

 

Verso sera, quando è ancora più sbronzo,

a peso morto che pare un sacco,

camminando a passo di candeliere

inciampa e cade per la strada.

Accompagnato di corsa in ospedale

perché si è ferito, si è ferito malamente,

prende a urla tutti i dottori

e firma per tornare al circolo.

 

(Rit.) È Mazziganu già ubriaco dal mattino,

con il quartino e il bicchiere sempre in mano

e Caterina che sta sempre a brontolare;

talmente ubriaco che non riesce a parlare:

è Mazziganu, già ubriaco dal mattino,

si stende a terra per poter smaltire.